Smart working in Italia e retribuzioni convenzionali

Sep 16, 2021

Articoli
SCRITTO DA: Studio Guidotti & Associati Dottori Commercialisti e Avvocati
Non si applicano le retribuzioni convenzionali al soggetto distaccato all'estero che ha svolto l'attività lavorativa in smart working in Italia

Secondo l’Agenzia delle Entrate (interpello n. 590/2021), lo svolgimento in Italia dell’attività lavorativa in smart working di soggetto distaccato all’estero comporta la presenza fisica del dipendente nel nostro Paese e, quindi, non si applicano le retribuzioni convenzionali, mancando la condizione richiesta dal Legislatore nell’ipotesi in cui nell’arco di 12 mesi soggiorni in Italia per un periodo pari o superiore a 183 giorni.

Condividi il contenuto
Designed by Digiway Srl - Powered by HCL Domino

Informativa Cookie

Questo sito utilizza cookie per fornire servizi che migliorino l’esperienza di navigazione degli utenti : - Utilizziamo cookie di navigazione anonimi, necessari per consentire agli utenti di navigare correttamente, utilizzare tutte le funzionalità ed accedere ad aree sicure. - Utilizziamo cookie analitici in forma esclusivamente anonima per capire meglio come i nostri utenti utilizzano il sito web, per ottimizzare e migliorare il sito, rendendolo sempre interessante e rilevante per gli utenti. - Non vengono usati cookie statistici di preferenza dell'utente. Ulteriori informazioni di dettaglio sono disponibili consultando il documento di informativa cookie.